CESARE GIUSEPPE BATTISTI

Accademia Agiati - Soci
NomeCESARE GIUSEPPE
CognomeBATTISTI
Città di nascitaTrento
Data di nascita04-02-1875
Città di morteTrento
Data di morte12-07-1916
Data iscrizione01-01-1920
TipoOnorario
ProfiloValente geografo, battagliero giornalista e appassionato uomo politico, fu la massima espressione in Trentino del patriottismo filoitaliano dell'ultimo scorcio di occupazione austriaca ma fu anche protagonista di primo piano della vita culturale, sociale e politica non solo in Trentino ma anche a Innsbruck e a Vienna. Sotto il profilo scientifico si dedicò allo studio approfondito delle valli trentine, percorrendole sistematicamente e cogliendone gli aspetti geografici, economici e sociali, descritti in vari saggi e guide. Sul versante politico fu fondatore della sezione trentina del Partito socialista di cui diffuse, aiutato in questo dalla moglie Ernesta Bittanti, idealità e programmi mediante i giornali "L'Avvenire del lavoratore", "Il popolo" e "Vita trentina" dalle colonne dei quali entrò spesso in accesa polemica con le posizioni sia cattoliche sia liberali. Svolse una vivace attività politica anche come consigliere comunale di Trento e come deputato al Consiglio dell'Impero a Vienna e alla Dieta provinciale a Innsbruck, oltre che all'interno dell'associazionismo culturale. Cercò di coniugare gli obiettivi socialisti di internazionalismo e di elevazione delle classi contadina e proletaria, con le sue ferme convinzioni di patriota, favorevole ad una forma di autonomia provinciale all'interno dello Stato italiano, e di convinto interventista. Sostenne infatti le ragioni della necessità dell'intervento armato dell'Italia mediante accalorati scritti su giornali e riviste e animate manifestazioni su varie piazze d'Italia. Pagò con la vita la coerenza con questa sua posizione. Questa Accademia lo elesse "honoris causa" fra i suoi soci nel 1920 alla ripresa delle proprie Attività.
BibliografiaG. Coppola, A. Passerini, G. Zandonati (a cura di), "Un secolo di vita dell'Accademia degli Agiati (1901-2000)", Accademia roveretana degli Agiati, Rovereto (TN) 2003, vol.2